Relazioni ferrate liguria 20/01/2019 10:48 (UTC)
   
 

FERRATA  D. ORLANDINI ( R. REOPASSO ) 

LUNGHEZZA PERCORSO: CIRCA 1 KM (SOLO FERRATA)

DIFFICOLTA: AD-D-MD

DISLIVELLO: 200 METRI

TEMPO NECESSARIO:  2 ORE ( SOLO FERRATA )



DESCRIZIONE:

Dall'uscita Busalla dell'Autostrada A7 Milano-Genova, si sale in  9 km 

al caratteristico borgo di Crocefieschi, aperto su un colle arioso fra verdissime colline boscose.

Lasciata l'auto in uno dei numerosi parcheggi in paese, lo si attraversa prendendo per la cappella della Madonna della Guardia. Raggiuntala, si prosegue lungo la carrareccia segnalata con un quadrato giallo vuoto (segnavia F.I.E.). In prossimità di un tornante si abbandona la strada prendendo un sentiero pianeggiante sulla sinistra che si inoltra a mezzacosta nel bosco. Rapidamente si raggiunge un primo colletto (828mt circa), aperto tra il M. Castello e l’Anchise (o Lumaca del Reopasso). Seguendo le indicazioni per la ferrata, si lascia il sentiero seguendo le tracce che salgono ripidamente a destra per roccette ed erba raggiungendo una spalletta dove, proprio in prossimità dello sperone che delimita a destra la parete sud dell’Anchise, attacca la via ferrata.

 

1° settore: 

si attacca con un breve traversino che conduce all'interno di una singolare cavità rocciosa. Questa permette l'accesso ad una profonda fenditura, da percorrere seguendo il cavo che la taglia prima orizzontalmente sul suo fianco sinistro, quindi passa su quello destro e, con un tratto verticale espostissimo, esce direttamente sulla cresta. In alternativa è possibile seguire la “variante” che parte pochi metri a monte dell’attacco dell’itinerario descritto ricongiungendosi a quest'ultimo proprio sulla cresta; le difficoltà sono assai più contenute. Si prosegue ora lungo il filo di cresta fino alla cima dell’Anchise (828 m s.l.m.): la punta la si può raggiungere sia da destra (più facile) che da sinistra (leggermente più esposto e difficile) seguendo i cavi che la contornano. Da qui si scende sempre per cresta seguendo il cavo lungo placchette scarsamente inclinate, poi si prosegue per tracce di sentiero segnalate raggiungendo in breve un secondo colletto aperto tra l'Anchise e la Biurca (820 m s.l.m., panche e tavolo in legno). 

 

2° settore: 

si raggiunge per ripido terreno di detrito ed erba il cavo che riparte risalendo la base rocciosa della Biurca. L'arrampicata e facile e molto particolare, visto che il conglomerato offre numerosissimI e comodi appoggi ed appigli. Giunti ad una spalletta erbosa, si continua per il filo della cresta S-SE, molto bella ed elegante e via via più inclinata. Raggiunta una cengia verso destra, vi sono due possibilità:

a): traversare la cengia attrezzata in leggera discesa e quindi, raggiunto un canale con alberi, per tracce e roccette inclinate, salire al piccolo ed aereo bivacco Città di Busalla .

b): salire direttamente la parete verticale (un singolo passaggio strapiombante) per poi traversare a sinistra (esposto,) fino a raggiungere lo spigolo S-SE e per questo la punta Sud della Biurca (934 m. s.l.m., libro di vetta). Da questa si scende rapidamente all’intaglio dal quale, in pochi metri, è possibile raggiungere il sopraccitato bivacco. 

 

Dall’intaglio si sale facilmente sulla punta Nord della Biurca (941 m s.l.m.), la più alta. Qui giunge, da Sud-Ovest, la via normale.

Si scende ora in direzione Nord-Ovest, per sentiero, seguendo le segnalazioni per la ferrata.

 

3° settore: 

si prende a destra (freccia) e si attraversa per circa 150mt un sistema di cenge e facili  paretine attrezzate fino in prossimità di un colletto. Nuovamente si hanno due le possibilità:

a): seguire facilmente il cavo fino al colletto e, da questo, portarsi all’attacco dell’evidente pilastro verticale che forma il 4° settore della ferrata; 

b): attraversare il suggestivo ponte tibetano, lungo una ventina di metri, che conduce direttamente  sullo zoccolo basale del pilastro.

 

4° settore: 

salire il pilastro (esposto, un tratto strapiombante,) raggiungendo la spalla meridionale della CarRega do Diao. Un breve tratto pianeggiante conduce all’ultimo risalto che si risale facilmente raggiungendo la vetta della Carrega (959 m s.l.m.).

 

DISCESA

Dalla vetta della Carrega, seguendo il segnavia giallo F.I.E., si scende per un canalino attrezzato e, per sentiero e rocce inclinate, si ritorna sulla spalla Sud, aggirando così il difficile pilastro verticale salito in precedenza. Si continua sempre per sentiero segnato lungo la crestina sovrastante il 3° settore della ferrata e, con un ultima ripida salita, si riguadagna la vetta della Biurca Nord. Da qui per rocce e tracce di sentiero si discende ripidamente l'accidentata cresta Ovest (via normale). Giunti ai piedi della cresta si piega a sinistra e, costeggiando in falsopiano la parete meridionale della Biurca, si riguadagna il colletto quotato 820 m s.l.m., proprio dove attaccava il 2° settore della ferrata. Da qui, agevolmente, prima su sentiero e poi su cararreccia, si rientra a Crocefieschi. 

 

 

 
  LA MONTAGNA
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  VIE FERRATE EFFETTUATE
QUESTA E' UNA LISTA DI TUTTE LE FERRATE SVOLTE SULL'ARCO ALPINO E SULLE PREALPI LOMBARDE CON LA PARTECIPAZIONE DI MIO FRATELLO MAURIZIO.
IN QUALCHE OCCASIONE HO AVUTO ANCHE IL PIACERE DELLA COMPAGNIA DEI MIEI COGNATI COSTANTINO E GAETANO.

"Delle guide" Gressoney, Aosta
"Gorbeillon" Valtournenche, Aosta
"Corno Rat" Valmadrera, Lecco
"Gamma 1" ai piani d'Erna, Lecco
"Gamma 2" al Resegone, Lecco
"Corno Medale" Lecco
"Centenario CAO" Menaggio, Como
"Orrido" di Chianocco, Torino
"Orrido" di Foresto, Torino
"Ferrate" di Casto, Brescia
"Nicola Ciardelli" Roure, Torino
"Gorge" fiume Dora Riparia, prov.Torino
"Nito Staich" Oropa, Biella
"Ottorino Marangoni" Mori, trento
"Rocche del Reopasso" Crocefieschi, Genova
"Jose Angster" Gressoney, Aosta
"San Salvatore" Lugano, Svizzera
"Tridentina" Val Badia Colfosco, Bolzano
"Della Balma" Balma, Biella
"Sass Tavarac" Erba, Como
"Rocca bianca" Caprie, Torino
"Du Diable" Aussois alta Savoia, Francia
"S. Contessi" m. 2 mani, Morterone, Lecco
"Bethaz-Bovard" Valgrisenche, Aosta
"Gabi-Simplon" Gabi, Svizzera
"Emilio Detomasi" Alagna, Vercelli
"Rocca Clarì" Claviere, Torino
"Zucco Pesciola" piani di Bobbio, Lecco
"Degli Alpini" gr. Fanes ( DOL.) Cortina, (BL)
"Limbo" Oropa sport, Biella
  Pubblicitá
  NUMERI TEL. UTILI IN MONTAGNA
Forestale (CFS) -
Segnalazione incendi boschivi e
emergenza ambientale (1515)

Vigili del Fuoco (115)

Emergenza Sanitaria ed elisoccorso (118)

Previsioni meteo - www.ilmeteo.it
ci sono stati già 52849 visitatori (111332 hits) qui!
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=